Scarica PDF (395kB)
Presentazione del libro “Se la scuola avesse le ruote” di Emilio Rigatti 20 ottobre 2010
Un professore fuori dell’ordinario fa lezioni in bicicletta insegnando storia, geografia e vita quotidiana. La sua è una forma di resistenza pacifica al degrado della scuola. Cosa accadrebbe se la scuola avesse le ruote?
Ce lo racconta Emilio Rigatti in queste divertenti, ma anche commoventi pagine di “diario di campo” che partono dagli anni Ottanta, quando lui insegnava in uno sperduto paesino della Carnia, a oggi. Ci spiega, attraverso le sue esperienze dirette, come la bicicletta sia uno dei modi migliori per andare in esplorazione del mondo e confrontare ciò che si è studiato nei libri con la realtà, in antitesi alle gite organizzate con l’autobus a noleggio, sorta di mordi e fuggi, McDonald delle esperienze. Rigatti mette le ruote alla scuola, pedala con i suoi alunni tra chiese e musei, parchi e aperta campagna, piccoli villaggi e strade bianche, a caccia di arte, storia e geografia, ma anche di divertimento e piccole disavventure. Insegna ai ragazzi la vita, assaporata lentamente, e a muoversi nel mondo anche senza il navigatore. La sua è una ricetta contro la modernizzazione imperante della scuola che vira verso l’appiattimento e l’omologazione, una pacifica resistenza a pedali, lenta ma continua. Regala consigli e aneddoti gustosi e alla fine del libro propone un vero manuale per provare a ripetere le sue esperienze di professore a pedali.

Emilio Rigatti è nato a Gorizia nel 1954. Insegnante, giornalista, scrittore, ma soprattutto cicloviaggiatore, ha appeso il volante al chiodo alla fine del viaggio a pedali da Trieste a Istanbul percorso nel 2001 assieme a Rumiz e ad Altan (al seguito del quale ha scritto poi il libro "La strada per Istanbul", con cui ha vinto il premio "Albatros" per la letteratura di viaggio nel 2002). Da allora si sposta solo in bicicletta, anche per compiere i 15 km giornalieri per andare al lavoro. Ha raccontato il piacere e la filosofia del viaggiare quotidiano in bici in "Minima Pedalia", subito diventato libro cult.
Ha pubblicato, inoltre, “La strada per Istanbul” (2002), “Tre uomini in bicicletta” (2002), un reportage in Sudamerica, "Yo no soy gringo. Taccuini sudamericani di coincidenze, truffe e piccoli miracoli" (Premio Giuria Ragazzi Albatros 2006), “Italia fuorirotta” (2007), “Dalmazia Dalmazia” (2009).

Per ulteriori informazioni contattare la biblioteca:
via Trieste 33 33052
CERVIGNANO DEL FRIULI
tel. 0431-388540
e-mail: biblioteca@com-cervignano-del-friuli.regione.fvg.it
Dove e quando
Biblioteca-Centro civico via Trieste 35 Cervignano del Friuli, 20 ottobre 2010 ore 18.30
 
Contatti
0431388540
biblioteca@com-cervignano-del-friuli.regione.fvg.it